La massima di ieri sera

2 06 2013

In non so quale film ho sentito che dicevano:

“nella vita c’è sempre qualcuno che sta peggio di te”

Ho pensato:

“sì è vero”

Poi ho rielaborato:

“nella vita c’è sempre chi sta peggio di te, ma questo non significa che io stia bene”

 





Il salto di Saffo

11 01 2013

di Erika Jong

Ho amato uomini e donne? Ma l’amore ha un sesso? Ne dubio. Se si ha la fortuna di amare, che importa di quali carni si rivesta il corpo dell’amante?

A che serviva dire: “Ti amo?” Bisognava dimostrarlo.

L’ira non ti servirà a raggiungere il tuo scopo; sarà la serenità a soccorrerti. Dai ai tuoi fratelli una buona lezione. Può darsi che in seguito torni a tuo credito.

Non mi tentare, Esopo. Sono in una situazione di debolezza. La mia mente è divisa.

.

2013-01-10 19.14.06





Il lupo rosso

13 10 2012

di Liza Marklund

La libertà, pensò. La tirannide del nostro tempo. Il tradimento nei confronti dell’uomo medievale che viveva nell’innocenza, che aveva un suo ruolo immutabile e incontestato nella società, una vita con un contenuto stabilito che non lasciava spazio o ragione al dubbio. Che anteponeva la salvezza dell’anima a tutto il resto: profitto, libertà personale, contestazione della struttura della società.

«La fede mi ha aiutata a superare molte prove, nella vita. Il Signore ha chiamato a sé Linus, e io non capisco il motivo, ma lo accetto.»
.





Finchè morte non ci separi

13 10 2012

di Liza Marklund

.
«Si possono scambiare i propri genitori con altri?»

Berit sorrise.

«Non essere così dura con lei. Fa quello che sa fare.»

.





La sfuriata di Bet

20 12 2011

Autore: Christian Frascella

Il problema dei libri di Christian Frascella è che sono avvincenti e si leggono troppo in fretta.

Quello che mi piace dei libri di Christian Frasella è il senso dell’umorismo con cui riesce a raccontare anche le situazioni più amare.

Bet è un bel personaggio.

 

Alcuni tratti del libro:

La mia religione è: se hai da dire qualcosa, dilla. Se poi ti tocca di dirla urlando, allora significa che ne vale la pena. Basta non passare alla violenza.

Per me quando un uomo e una donna si sposano è come se uscissero sotto un temporale con un ombrello troppo piccolo per due, dovrebbero cercare solo di cavarsela.

Ma … non dovrebbe essere una questione di amore e non di rispetto?
Il rispetto è amore.

.





Storia d’amore vera e superstite

15 12 2011

Autore: Gary Shteyngart

Un libro surreale, ma nemmeno troppo.

Un libro che racconta il nostro prossimo futuro, un po’ visionario, ma l’aspetto spaventoso è che non è nemmeno troppo visionario, anzi terribilmente probabile.

Lo ho iniziato mentre, per una serie di coincidenze, ho iniziato a leggere anche 1984 di Orwell. E’ stato un flash per le similitudini dei 2 libri.

Entrambi parlano del futuro, rispetto a quando sono stati scritti evidentemente, un futuro lontano e visionario. Ma non lontano e nemmeno improbabile.

1984 lo ho appena iniziato e poi sospeso, ma ora tocca a lui.

Dopo questo sconcertante libro che racconta di Äppäräti, di globalteens, di jeans trasparenti, di ricerca dell’immortalità e di amore. Amore per la famiglia e amore per la donna amata.

Alcuni tratti del libro:

“Penso che una parte di me si stia innamorando di Ben, ma so anche che non può funzionare, perché un’altra parte di me, malata, pensa che mio padre sarà sempre l’unico uomo per me.”

“Lo sai com’è brutto quando si è felici e tristi allo stesso tempo e non si riesce a capire se sei una cosa o l’altra.”

“L’ARA ha sperimentato una dozzina di piani economici diversi in altrettanti mesi. Privatizzare, deprivatizzare, deregulation, tassi di cambio fissi, tassi cambio variabili, cambio controllato, cambio libero, maggiorazioni tariffarie, diminuzioni tariffarie. E il risultato hupkis, zero. “l’economia continua a non fare da traino” per citare il nostro amato presidente della Fed.”

“Ha questa cosa da bianco americano per cui la via ha sempre un lieto fine, i buoni sono rispettati per il fatto di essere buoni,e tutto è sputtanatamente DA BIANCHI (se capisci cosa intendo).”

.





Giorni di grandi arrivederci

7 09 2011

Tanti (troppi) colleghi di Genova

Stanno scrivendo email di saluti perchè è il loro ultimo giorno di lavoro perchè la sede genovese chiude, quindi o trasferimento o ciccia.

Saluti, ringraziamenti, arrivederci, in bocca al lupo, ecc ecc.

Questa mi è piaciuta molto:

Oh grande spirito
concedimi la serenità di accettare le cose che non posso cambiare,
il coraggio di cambiare le cose che posso cambiare
e la saggezza di capire la differenza.

.